LE MIE PAGINE

Cerca nel blog

lunedì 28 gennaio 2013

ACQUA DEL PESCE CON CAPELLI D'ANGELO

Sempre ricetta "povera" dei pescatori che, tornati a casa, lasciavano sul lavello il pesce più buono e meno costoso : questa è la frase che la mamma di mia suocera le raccontava .......
Io ho comprato i naselli ovviamente perchè sembravano dipinti, gli luccicavano gli occhi, perchè erano pescati e in inverno dicono si riproducano e perchè i miei cuccioli di casa mangiano questo piatto molto volentieri.
Per questo tipo di ricetta occorrono pesci che rilasciano la giusta dose di “grasso” che permetterà poi  alla pasta di legare con il  sugo: i migliori sono il nasello,la gallinella,lo scorfano, la cernia, la ricciola e il grongo  e se la vostra voglia di crostacei o molluschi non vi abbandona e li volete sempre e comunque.. abbinateci sempre un pesce di quelli che vi ho detto prima …. 

ACQUA DEL PESCE CON CAPELLI D'ANGELO
x 4 p

4 Naselli
2 Spicchi aglio

1 Manciata di capperi di Salina , sotto sale
1 Cucchiaio da tavola di prezzemolo tritato grossolanamente
10 olive in salamoia al finocchietto selvatico
3 Pomodorini di Pachino ( facoltativi)
Pecorino stagionato grattuggiato
Olio,acqua,sale
Capelli d'angelo lunghi 

In una pentola  meglio se di coccio, mettere l’olio extravergine d'oliva con l’aglio a spicchio intero; appena sfrigola aggiungere i capperi lavati poco , le olive  e se volete  i pomodorini tagliati a quarti. Fare riprendere il calore quindi unire ½ bicchiere di acqua e il prezzemolo ; alzare la fiamma e fare ridurre un pochino il liquido ( in questo modo tutti gli ingredienti rilasciano il loro sapore).
Riportare il fuoco a calore moderato ed aggiungere il pesce tagliato a tranci , unire ancora poca acqua , del sale e non toccare più ; per mescolare muovere la pentola cosicché il sugo ricopra il pesce mentre si sposta .
Cuocere 10’ non di più, il nasello cuoce velocemente, vi trovereste altrimenti il pesce disfatto.
Nel frattempo cuocere i capelli d’angelo versione spaghetti, scolarli e condirli  con il sugo che si è creato nella pentola del pesce (  piatto per piatto oppure in una spaghettiera ), cospargere con pecorino ( ebbene sì : il formaggio sul pesce ! )
Il pesce può essere servito come secondo oppure sopra gli spaghettini.










Nessun commento:

Posta un commento