LE MIE PAGINE

Cerca nel blog

martedì 5 febbraio 2013

SBRISOLONA O TORTA DURA

Lo so, qui a Milano è ancora Carnevale e quindi ho ancora tempo per fare qualcosa in tema ma la voglia di questa torta è giunta all'improvviso e non c'è calendario che tenga....
La ricetta credo sia davvero  anomala perchè leggendo qua e là gli ingredienti delle altre ricette vedo molte differenze .
La ricetta è della mia zia Piera, mantovana dentro e grande cuoca. Passavo giorni meravigliosi in quella cascina : nel cassone della raccolta del mais quando chicchi a valanga mi piovevano addosso, nella grandissima stalla con le mucche che avevano ognuna il proprio nome e che avevano musica in sottofondo, nell'orto a raccogliere ogni verdura che si potesse immaginare e ad annusare il nocino che piano piano andava formandosi nelle bocce di vetro .
E nasce l'amore per questa torta, rubata briciola a briciola dalla cucina della zia......il nome deriva proprio da questa particolarità: scordatevi le fette, si rompe a pezzetti, briciole ( sbrisa ) e si gusta ovviamente con le mani (  la tradizione voleva che romperla dovesse essere un pugno dato al centro della forma !!! )

SBRISOLONA O TORTA DURA
ø 26cm

350 gr farina bianca
150 gr farina di mais
150 gr strutto
75 gr zucchero
200 gr frutta secca mista

Mischiare bene le farina con lo zucchero, aggiungere la frutta secca sbriciolata prima grossolanamente con le mani e quindi lo strutto. Impastare sempre con le mani , la frutta secca aiuterà a distribuire bene lo strutto in tutto il preparato. Si otterrà un composto NON "amalgamato" bensì totalmente briciolato, come se si dovessero aggiungere molti liquidi ancora.
Preparare la tortiera unta con un pochino di strutto ed infarinata, quindi versare il conposto e compattarlo bene.
Lo strato non dovrebbe superare 1,5/2 cm.
Infornare a 100° per 45 min.







Nessun commento:

Posta un commento